2016_10_28_Milazzo - SA.MA. Service & Congress

Oggi è -
Vai ai contenuti

Menu principale:

Eventi > 2016
Seminario Mediterraneo di Geriatria 2016
La longevità tra qualità dell'assistenza e complessità della cura
Scarica il Programma in PDF

 

Il Seminario Mediterraneo di Geriatria è organizzato in modo da determinare un confronto culturale e una integrazione progettuale tra le Società Scientifiche che hanno interesse specifico per l’anziano e per i suoi bisogni di salute, con l’obiettivo di definire i livelli di assistenza geriatrica nelle aree di Geriatria e di altre Specialità Mediche e di valorizzare i modelli organizzativi di tipo multidisciplinare e multidimensionale.

Qualità e complessità sono le parole d’ordine della cura alla persona anziana tra le quali esiste un rapporto evidente: la qualità è riferita alla ricerca continua di interventi che garantiscano alla persona il livello massimo possibile in termini di salute e di qualità della vita; la complessità dei pazienti condiziona la definizione degli outcome e degli interventi.

La qualità della cura dell’anziano si fonda sull’assunzione di decisioni cliniche e di scelte assistenziali rispettose di tre elementi importanti: le conoscenze disponibili dalla ricerca, la valutazione clinica del paziente, le sue preferenze assistenziali e/o le preferenze assistenziali della sua famiglia, la presa in carico modulata sui bisogni delle persone anziane che dopo una malattia acuta o nei percorsi della cronicità trova nella continuità della cura una risposta.

Nel contesto assistenziale l’utilizzo del termine complessità assume significati diversi ed è utilizzato quale sinonimo di intensità e di difficoltà o per indicare situazioni complicate, che richiedono tempo, pazienza, abilità. Bisogna definire una interpretazione condivisa del significato del termine complessità: complessità del paziente o complessità dell’assistenza? Non si tratta di un gioco di parole, ma di definire quale è il punto di partenza. Innanzitutto si può parlare di complessità dell’assistenza, anche se è più corretto parlare di complessità del paziente che ha bisogno di un approccio complesso. In effetti anche il paziente si diversifica nella sua capacità di esprimere necessità e bisogni e quindi di richiedere una risposta assistenziale conseguente. Se il punto di partenza è la complessità del paziente, diviene determinate definire come valutare e misurare la complessità e individuare i fattori variabili che concorrono a definire la complessità stessa.

I servizi sanitari e sociosanitari chiedono alla professione sanitaria abilità per leggere i bisogni, progettualità per tracciare percorsi di assistenza e presa in carico realizzabile e orientata verso obiettivi misurabili.

Scheda Evento

Data:
28 - 29 Ottobre 2016

Sede:
Eolian Hotel Milazzo
Salita dei Cappuccini, 21/23
98057 Milazzo (ME)

Direttore Scientifico:
Ferdinando D’Amico
UOC Geriatria - UO Lungodegenza Post Acuzie
Presidio Ospedaliero Patti
Rete Assistenziale Geriatrica - Centri Diurni Demenza
Azienda Sanitaria Provinciale Messina
email: ferdinando.damico@tiscali.it - ferdinando.damico@asp.messina.it

ECM - Evento n. 45-166541 - n°15 Crediti Formativi:
L’evento formativo è inserito nel programma di Educazione Continua in Medicina del Ministero della Salute per n. 100 soggetti e per le seguenti professioni: Medico Chirurgo (Geriatria, Medicina Interna, Cardiologia, Diabetologia, Endocrinologia, Fisiatria, Medicina dei Servizi, Nefrologia, Neurologia, Ortopedia, Pneumologia, Psichiatria, Reumatologia e Medici di Medicina Generale), Farmacista, Fisioterapista, Infermiere, Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica, Tecnico di Neurofisiopatologia, Terapista Occupazionale.

 
 
Ultimo aggiornamento: 16/10/2017
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu